Facebook ammette le proprie “responsabilità” e, quasi uno scoprire l’acqua calda, rende noto in un rapporto che durante le ultime elezioni Usa sul social network sono stati creati account falsi per diffondere informazioni rubate da e-mail.

“Statisticamente molto piccole”, le cifre del fenomeno, si legge, ma l’utilizzo di ‘fake news’ e profili falsi per manipolare l’opinione pubblica non è certo un fenomeno risibile o nascosto.

La notizia è che comunque per la prima volta Facebook si lascia andare ad ammissioni di questo tipo, dopo aver combattuto strenuamente ogni notizia relativa, anche a ragion veduta, soprattutto durante il periodo di campagna elettorale USA.

Si stima che per le elezioni in Francia il team di Facebook abbia rimosso qualcosa come 30 mila account falsi.