Il progetto messo in campo da un team di ricercatori della Tel Aviv University in partnership con Facebook promette di stupire: si tratta di un sistema in grado di animare un selfie, un ritratto o un dipinto, sulla base delle espressioni effettuate da un attore all’interno di quello che viene definito driving video.

Con l’analisi dei movimenti del viso (occhi, bocca, naso, fronte) questi possono essere riprodotti all’interno del target, partendo da un singolo fotogramma.

Il risultato è del tutto convincente, come mostra il filmato.

Facebook si è subito inserita nell’iniziativa: pensiamo a un mondo social dove le nostre foto possano reagire in tempo reale a quello che fanno gli utenti… pensiamo all’immagine del profilo o a un selfie che sorride appena arriva like!

Il funzionamento è applicabile anche a dipinti: tutto ciò di cui si ha bisogno è un video in cui un attore effettua le espressioni facciali da riprodurre, poi ci pensa il software.