Nel 1979 un terribile tornado devasta la città di Wichita Falls, in Texas.

Molti morti, moltissimi senzatetto e un bambino di nove anni che lotta per riemergere dal coma.

Il suo nome è Todd Willis e quando quattro anni dopo si risveglia, trova ad attenderlo un mondo diverso, simile a quello vissuto prima del tornado ma inquietante in un modo che non riesce a spiegarsi.

La nuova vita di Todd diventa una lotta per separare i fatti dalla fantasia, il sonno dalle allucinazioni. Gli amici che conosce nel 1983, affascinati e incantati dalla sua esperienza, sono allo stesso tempo spaventati dal suo complesso rapporto con la realtà.

Un’estate da ragazzi è la storia di cinque amici che diventano inseparabili fino all’estate cruciale in cui ognuno di loro scopre il senso dell’amore, la ferocia del tradimento e tutti insieme condividono un segreto che giurano di seppellire per sempre.

Venticinque anni dopo, il buio riaggredisce Wichita Falls e i cinque amici devono tornare alle ferite del passato, ai mostri, ai tormenti, al timore di quell’estate lontana.

«Lo scrittore americano Richard Cox
racconta la storia di una banda di teenager anni Ottanta
alle prese con decisioni sbagliate, linee d’ombra
e dolorosi riti di crescita con atmosfere che ricordano
lo Stephen King di “Stand By Me”
e la serie tv “Stranger Things»
 Claudia Morgoglione – La Repubblica

Un thriller allucinato e metafisico. Un commovente romanzo di formazione.

Richard Cox è nato in Texas e vive a Tulsa. Questo è il suo primo romanzo tradotto in Italia.